CON GLI AGENTI E I RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO
DA OLTRE 75 ANNI
Guida
Sei in Enasarco > Guida > Come cambia l’attività ispettiva con l’introduzione del nuovo Regolamento?

Come cambia l’attività ispettiva con l’introduzione del nuovo Regolamento?

Con la riforma del Regolamento delle attività istituzionali in vigore dal 1° gennaio 2012 saranno introdotte alcune importanti novità nell’ambito delle attività ispettive, con lo scopo di favorire al massimo la collaborazione con le imprese.

  • Viene aumentato da 30 a 60 giorni il termine entro il quale una impresa che abbia evaso il pagamento dei contributi può provvedere a saldarli con sanzioni ridotte al minimo.
  • La riduzione della sanzione verrà concessa anche in caso di riconoscimento del debito da parte dell’azienda, in cambio del vantaggio che la Fondazione otterrà in termini di certezza del credito.
  • Viene semplificato al massimo l’iter per la rateizzazione del debito da saldare, proprio per venire incontro alle aziende in difficoltà che necessitano di dilazioni: il complicato sistema di garanzie viene sostituito dal versamento di un acconto proporzionale alla dilazione concessa.
  • In sede di accertamento gli ispettori potranno richiedere alla ditta la documentazione che riguarda il rapporto di lavoro oggetto dell’indagine, questo per risolvere più facilmente i casi in cui viene contestata la stessa sussistenza del rapporto di agenzia e per salvaguardare sempre il diritto alla pensione degli agenti.
  • Si ricorda inoltre che già dallo scorso anno è stata introdotta una certificazione di qualità per tutti i verbali ispettivi: ogni documento deve ora ottenere una sorta di “timbro di qualità” tecnico-giuridica da parte del responsabile dell’ufficio territoriale.