CON GLI AGENTI E I RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO
DA OLTRE 75 ANNI
Avviso elettorale n.7: attestazione della pluralità di regioni
Sei in Enasarco > Avviso elettorale n.7: attestazione della pluralità di regioni

Avviso n.7 del 04/12/2015 — Attestazione del requisito della pluralità di regioni (art. 15 del Regolamento elettorale)

A titolo meramente esemplificativo e al fine di agevolare la presentazione delle liste elettorali, si indicano di seguito alcune possibili modalità di attestazione del requisito della pluralità di regioni indicato all’articolo 15 del Regolamento elettorale e specificato nella Sez. VII dei Modelli 1A e 1D per la presentazione delle liste elettorali.

Il requisito della pluralità di regioni può essere comprovato alternativamente mediante:

  • copia fotostatica di un documento di identità o di riconoscimento in corso di validità dal quale risulti la residenza del candidato (articolo 45, commi 1 e 2 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445);
  • dichiarazione sostitutiva resa ai sensi degli articoli 46 e 47 del D.P.R. 445/2000, la cui produzione è consentita dalla Fondazione ai sensi dell’articolo 2 del citato D.P.R., e dalla quale potranno risultare la residenza del candidato oppure la sede legale dell’impresa o della società nell’ambito della quale il candidato operi e la relazione di lavoro o di rappresentanza organica con la medesima impresa o società;
  • visura camerale dell’impresa o della società nell’ambito della quale il candidato operi, unitamente alla dichiarazione dell’impresa o della società stessa che attesti l’attività svolta dal candidato nel contesto societario o imprenditoriale (tale ultima dichiarazione non è necessaria qualora la carica o l’incarico ricoperti dal candidato nell’ambito della società risultino già dalla visura camerale, ad esempio per i candidati con funzioni di amministratori).

È fatta salva in ogni caso la possibilità di comprovare il possesso del requisito mediante qualsiasi attestazione idonea sulla base delle vigenti disposizioni normative.